Come comprare terreni e fare lottizzazioni in Brasile?
Inviato da Manager Online il 10 February 2014 08:40 PM

Visto che un terreno esteso necessita di più tempo per essere venduto rispetto a uno piccolo, generalmente è più conveniente, se appoggiati da professionisti competenti, si presta meglio al processo di lottizzazione.

I proprietari terrieri e i costruttori in Brasile ragionando in termini di costo - opportunità prendono in considerazione, anche alla luce degli alti tassi d'interesse, solo affari che generino un ritorno del 30% - 50 % su base annua.

Vista l'ineguale distribuzione del reddito, sono pochi coloro in grado di acquistare grossi appezzamenti di terreno, mentre al contrario sono molti i potenziali compratori di piccoli terreni.

Per esempio può essere molto interessante comprare un appezzamento di 100.000 mq, dividerlo in più lotti predisponendoli già alle infrastrutture primarie e in seguito rivenderli valutando le necessità del mercato quanto a dimensioni e tipologia di richiesta.

È da considerare inoltre che su queste operazioni si ottengono interessi che non solo coprono l'inflazione ma che offrono anche un guadagno interessante.

L'acquisto di grandi terreni da parte di stranieri al fine di lottizzarli e rivenderli non é ben visto dalla legislazione Brasiliana, che riconosce in questo tipo di operazione una pura speculazione senza un piano di crescita per il paese. In molti stati questa forma giuridica di incorporazione immobiliare non è permessa, costringendo l'imprenditore a dotare i terreni di infrastrutture.

Si sono verificate in passato molte lottizzazioni vendute principalmente a stranieri a costi bassissimi, dove terreni agricoli suddivisi in lotti e senza nessun tipo di urbanizzazione sono stati distribuiti con promesse di edificazione di resort, piscine e quant'altro senza che si realizzasse nulla nella realtà.

La trasformazione di un terreno agricolo in residenziale è tuttavia possibile, ma richiede l'intervento di professionisti competenti che sappiano mediare sia con le leggi comunali che con quelle statali o addirittura federali. In alcuni casi sarà necessario interpellare enti che hanno competenze specifiche in quelle determinate aree quali per esempio la Segreteria del "Meio Ambiente" (Assessorato all'ambiente) e l'IPHAN (Istituto del Patrimonio Storico).

Quando si acquista un terreno bisogna non solo essere informati sul piano regolatore comunale, ma anche sulla classificazione a livello urbanistico della zona dove si sta acquistando dal punto di vista ambientale e storico. Scoprire dopo l'acquisto di essere in una zona di tipo APA (Area di preservazione ambientale) potrebbe creare dei limiti per l'esecuzione del progetto. Non esiste una documentazione unica che riprende tutti questi criteri, è necessario presentarsi presso ciascuno degli uffici competenti, con la premessa che esistono spesso divergenze tra regolamenti comunali, statali, ambientali e storici. È da tenere in considerazione il fatto che predomina l'istituzione governativa più vicina a quella federale e non quella comunale.

(1 voti)
Questo articolo è stato utile
Questo articolo non è stato utile

Email info@consulentebrasile.com - Linea Diretta Italia +39 02 89959370 Brasil +55 11 30421162